Salta al contenuto

23 dicembre 2022


  Ξ Gennaro Agrillo » Salotto Napoletano » 23 dicembre 2022  


voce Angela Luglio
LA LEGGENDA DEL LUPINO
(testo e musica Roberto De Simone)

Paolo Del Vecchio – chitarre, mandolino
Luca Urciolo – pianoforte, fisarmonica
Sasà Pelosi – basso
Ivan Lacagnina – tammorre, percussioni
Alessandro De Carolis – flauti etnici

A Betlemme se iettaje lu banno
contr’a criature sott’a duje anne
contr’a criature sott’a duje anne.
Fuje Maria e corre senza ciato
e ‘o bambeniello zitto e appaurato
e ‘o bambeniello zitto e appaurato.
E li Giudeie nun danno arricietto
a ogni mamma sbatte lu core ‘mpietto
a ogni mamma sbatte lu core ‘mpietto.
Ah…fuje Maria e va pe’ la campagna
Ah… ca l’angelo da cielo l’accumpagna.

Ovì lloco ‘nu giudeo cu ‘na brutta faccia
le vo’ levà lu figlio dalli braccia
le vo’ levà lu figlio dalli braccia.
Fuje Maria e corre senza ciato
e ‘o bambeniello zitto e appaurato
e ‘o bambeniello zitto e appaurato.
E attuorne attuorne nun ce sta reparo
sule ciele scupierte e tiempo amaro
sule ciele scupierte e tiempo amaro.
Ah… curre Maria ca viento s’avvicina
Ah… curre e annascunne a Gesù Bambino.

Quanno ‘a Maronna perza se vedette
a ogni fronna aiuto aiuto dicette
a ogni fronna aiuto aiuto dicette.
“Frutto ‘e lupino mio, frutto ‘e lupino
arapete e annascunna lu mio bambino
arapete e annascunna lu mio bambino”.
“Vattenne!” lu lupino rispunnette
e forte forte li fronne sbattette
e forte forte li fronne sbattette
Ah… Lupino tu ca fuste amaro assaie
Ah… sempe cchiù amaro addeventarraie.

E doppo ca lu lupino se ‘nzerraie
Maria a n’albero ‘e pigne tuzzuliaie
Maria a n’albero ‘e pigne tuzzuliaie
“Frutto ‘e pignuolo mio, frutto ‘e pignuolo,
arapete e annascunna lu mio figliuolo”
E subbeto lu pignuolo s’arapette
e mamma e figlio ‘nzino annascunnette
e mamma e figlio ‘nzino annascunnette.
Ah… reparate reparete Maria
Ah… ca li giudeie so gghiute pe’ nata via.

E doppo ca lu Bambine se sarvaie
cu la manella santa lu carezzaie
cu la manella santa lu carezzaie.
“Pignuolo ca puozz’essere beneritto
tu annascunniste a Ddio zitto zitto
tu annascunniste a Ddio zitto zitto.
Si bbuono e doce tu aviste lu core
de ‘ncienzo santo purtarraie l’odore
de ‘ncienzo santo purtarraie l’odore.
Ah… e donna e lu Bambino se sarvaie
Ah… ‘na mana piccerella ‘nce lassaie
Ah… pignuolo tu che a Ddio t’arapiste
Ah… ce purtarraie la mana de Gesù Cristo.