Vai al contenuto

‘O sapunariello


  Ξ Gennaro Agrillo » Viento ‘e mare » ‘O sapunariello  

di Raffaele Viviani
(esegue Franco Acampora)
 

Eramo ‘a ciento e sidece pezziente;
facetteme nu tuocco pe’ vede’
‘a miez’a nnuje chi asceva presidente.
E, manco a dirlo, ‘o tuocco ascette a me!

Ih che tramuntanella seriticcia
ca se n’è scesa dint’a nu mumento!
Si mo tenesse ‘o ppoco d”a pelliccia,
stesse a cavallo, accidarrie stu viento.

Ma stracquo e strutto,
annudo e muorto ‘e famma,
stu viento comm”accido, pe’ sape’?
Sarrà tutt”o ccuntrario, cor”e mamma:
chisà qua’ juorno ‘o viento accide a me.

* * *
E intanto ‘o delegato e tutt”e guardie
vanno piglianno ‘a gente ‘e malavita.
Capite? Accussì ‘a chiammanno!
Addo’ si chella è bbonavita!
Chella è gente ca magna e ca veve,
cu carrozze, triate, scampagnate,
cu cocotte, etceveza etceveza.
E chesta è malavita? Ma ve ne jate o no!
‘A malavita overo, chell’autentica,
è chella ca facc’io, cu sta miseria!

Già sta schiaranno juorno, ‘a faccia mia!
E comme fosse che aggio fatto? Ll’uovo.
Na notte, p”o Mercato e ‘a Vicaria,
ched’è na pezza vecchia? Nun ‘a trovo.

Tenevo na lanterna e s’è stutata:
mo chiudo ‘o magazzino e buonsuarè.
E me ne vaco a’ casa addu ‘a cecata
ca n’uocchio tene e ‘ha miso ‘ncuollo a mme.

Si fosse n’ommo ca tenesse ‘a pezza,
facesse bene. Ma, mannaggia ‘a sciorta,
che vuo’ fa’ bene. si na ddiece ‘e pezza
mo nun ‘a tengo manco dint”a sporta?

* * *
Ormai s’è capito:
è ‘o Pataterno ca tene ‘a rota ‘e chisto munno ‘nmano
e ‘a fa gira’ accussì, accussì e accussì.
S’ha da stracqua’!
E po’ ‘a gira accussì, accussì e accussì.
E aspetto c’avota nu poco ‘o munno ‘a parta mia.

***
‘O mare e ‘a rena!
E ‘a bona sera a chi remmane!