Salta al contenuto

Totonno ‘e Quagliarella


  Ξ Gennaro Agrillo » Viento ‘e mare » Totonno ‘e Quagliarella  

di Capurro – Buongiovanni
(esegue Nino Taranto)

I
Facite comme a me,
senza timore:
cuffejo pure ‘a morte e ‘a piglio a risa…
Io so’ cuntento meglio ‘e ‘nu signore
pecchè tengo una faccia e una cammisa …

E quanno metto ‘a lengua ‘int”o pulito,
che ne facite ‘a lengua ‘e ‘nu paglietta!
Embè, quanto stimate ‘a palla ‘e vrito,
chi vo’ sta’ buono, ha da sape’ ‘a ricetta!

Si l’ommo tutt”e chiacchiere
vulesse senti’ dicere,
quanta fasule e cicere
se mettarria a scarta’!

E si tenite ‘a freva,
lassate sta’ ‘o cchinino …
Addo’ sta ‘o meglio vino,
‘o ghiate a piglia’ llà!

Ce steva ‘nu scarparo puveriello,
chiagneva sempe ca purtava ‘a croce …
‘A ciorta le scassaje ‘o bancariello
e pe’ se lamenta’ … perdette ‘a voce!

II
Quanno è ‘a staggione,
vaco ascianno sulo
‘na bona fritta ‘e puparuole forte …
‘Nu piezzo ‘e pane, ‘nzieme a ‘nu cetrulo,
e ‘o riesto, ‘o votto dint”a capa ‘e morte!

Che tengo ‘e figlie
o aggio ‘a penza’ a ‘o pesone?
Io faccio ogne arte e ghiesco p”a campata!
Si è p”a lucanna, sotto a ‘nu bancone
se dorme frisco e puo’ passa’ ‘a nuttata …

Riguardo ‘o ttaffiatorio,
m”a scorcio bona ‘a maneca
e addo’ truvate ‘aglianeca,
truvate sempe a me!

Menammo tutto a buordo
fintanto ca se campa:
dimane, forze, ‘a lampa
se putarria stuta’ …

Che brutta cosa ch’è a tira’ ‘a carretta
quanno nisciuna mana votta ‘a rota!
Nun sentere cunziglie, nun da’ retta,
ca senza l’uoglio chella nun avota!

III
Pe’ spartere
aggio avuto quacche botta
ma nun me songo miso maje appaura!
‘Na vota, ‘int’a ‘n incendio a Foregrotta,
salvaje, ‘a dint”o fuoco, ‘na criatura…

Quann’io so’ muorto
l’hanno ‘a aiza’ ‘sta crapa!
Nisciuno chiagne, manco p”o mumento …
Ll’esequie è bello e pronto: ‘ncapa e ‘ncapa
e vaco a’ sala ‘e Ricanuscimento!

Quann’è fernuta l’opera,
pezzente o miliunario,
s’ha da cala’ ‘o sipario
e s’ha da arricetta’ …

Pe’ chesto, ‘o servo  vuosto
Tatonno ‘e Quagliarella,
‘o scisto ‘int”a garsella
nun s”o fa maje manca’ …

E quanno ‘o libbro mio sarrà fernuto
nisciuno diciarrà si è bello o brutto …
Ma primma e ve da’ l’urdemo saluto,
ne voglio ‘n ato litro … ‘e chell’asciutto.