Salta al contenuto

N’opera d’arte


  Ξ Gennaro Agrillo » Viento ‘e mare » N’opera d’arte  

di (e voce) Gennaro Esposito

Nfacci’a nu marmo ‘e nu palazzo antico
ce leggo scritto:”Il Conte Montevico
per dare lustro alla città natale,
finanziò quest’opera immortale.
Animo Nobile, di antica stirpe,
sollecitò le arti e le aiutò.
Il nobile architetto Filippetto,
maestro d’arte, ne firmò il progetto.
Di idee coraggiose e avanguardiste,
si rivelò, nell’opera, un artista;
ne sono testimoni le colonne,
vero prodigio di stabilità”.

Cchiù sotto ancora, a quase mezu parmo,
ce steva scritto, ‘ncopp’a n’atu marmo:
“L’ingegnere Tommaso Buonocori,
in dieci anni terminò i lavori;
aprì alle arti strade mai percorse,
ebbe elogi da Principi e da Re”.
Chi ha costruito overo stu palazzo,
st’opera d’arte, orgoglio ‘e chesta piazza,
nun ce sta scritto ‘ncopp’a cchelli mmure.
Pitture, carpentieri, murature,
senza ‘sta gente, chilli grandi artiste,
l’aizavano cu ‘o cazzo stu palazzo!