Salta al contenuto

Viaggiatori di ogni tempo


  Ξ Lazzaro Napoletano » Storia, mito e … » Grand Tour » Note di Viaggio » Viaggiatori di ogni tempo  

Una raccolta di note di viaggio non solo del Grand Tour.

Ne sono protagonisti gentiluomini, pittori, letterati, politici … personaggi di ogni tempo … ognuno con la  testimonianza dei propri pensieri o del suo viaggio con diari, relazioni o guide.

Scrive Antonio Ghirelli:

Quella dell’amore tra i viaggiatori stranieri e Napoli è una storia che comincia agli albori della città, o per dir meglio ancor prima che essa sia fondata. Naturalmente, come scrive Galasso nella sua «Intervista» con Percy Allum, la Napoli della leggenda greca ha ben poco in comune con la «realtà sociale che si è formata, si è delineata nei suoi tratti caratteristici fra il ‘400 e il ‘500» e che rappresenta la premessa socio-urbanistica della realtà contemporanea.
Ma l’idilio tra il Golfo e i suoi visitatori di fuori mano nasce, ancor più, prima della fondazione di Palepoli da parte dei coloni Eubei, comincia – almeno sul piano letterario – quando Ulisse scopre nel mare delle Sirene «il luogo della perfetta felicità , la sosta del dolore».
Più tardi, al personaggio fantastico si sostituisce il poeta in carne e ossa, l’artista, lo scrittore: da Plinio a Seneca, da Lucullo a Virgilio, a Tacito. La città vesuviana e i suoi incantevoli dintorni diventano spesso una residenza estiva piuttosto che una semplice tappa di viaggi di piacere.
L’egemonia culturale della civiltà greca fa di Napoli una sorta di Costa Azzurra o di Hollywood dell’epoca, un punto di riferimento per i poeti, i drammaturghi, gli epicurei.