Salta al contenuto

Giuseppe ‘a verità


  Ξ Lazzaro Napoletano » Storia, mito e … » Racconti Popolari » Giuseppe ‘a verità  

‘Nce steve ‘na vota ‘na mamma ca teneva ‘nu figlio che se chiammave Giuseppe; e pecchè nun diceva nisciuna buscia ‘o mettette nomme Giuseppe ‘a verità.
‘Nu juorno, pe’ tramente ‘o steve chiammanno, se truvaje a passa’ ‘o Re; e verenne ca chella mamma ‘o chiammava accussì, le spiaje: – Neh, pecchè ‘o chiamme Giuseppe ‘a verità? –
‘A mamma rispunnette: – Pecchè nun dice nisciuna buscia. –
Allora ‘o Re dicette ca ‘o vuleva purt’ cu’ isso; e accussì facenne, ‘o mettette a guarda’ ‘e vacche.
Ogne matina Giuseppe se presentava a ‘o Re e diceva: – Servo di sua Maestà. –
E ‘o Re rispunneva: – Addi’, Giuseppe ‘a verità; comme stanno ‘e vacche? –
– Fresce e chiatte. –
– Comme stanno ‘e vitielle? –
– Frische e belle. –
– Comme sta ‘o toro? –
– Ancora. –
E accusì faceva ogne matina. E ‘o Re ‘o ludava annanze a tutte ‘e cavaliere, tanto ca chisti se sentevano currivo; e ‘nu juorno, pe’ fa’ truva’ Giuseppe busciardo, ce mannajene ‘na femmena ca cu’ ‘e parole soje aveva fa’ accirere ‘o toro.
Giuseppe fuje tanto priato ca l’accerette; ma po’ se truvaje accussì ‘mbrugliato ca nun sapeva comme aveva dicere a ‘o Re.
Mettette ‘o cappotto sujo ‘ncopp’ ‘a seggia, e facenno comme si chillo fosse ‘o Re, diceva:
– Addi’, Giuseppe ‘a verità; comme stanno ‘e vacche? –
– Fresce e chiatte. –
– Comme stanno ‘e vitielle? –
– Frische e belle. –
– Comme sta ‘o toro? –
– Ancora. … Ma no, nun va buono! Po’ dico ‘a buscia. Quanno ‘o Re m’addimanna comme stea ‘o toro, je ‘nce dico ca è muorto. –
Se presentaje a d’ ‘o Re e dicette:
– Servo di sua Maestà. –
– Addi’, Giuseppe ‘a verità; comme stanno ‘e vacche? –
– Fresce e chiatte. –
– Comme stanno ‘e vitielle? –
– Frische e belle. –
– Comme sta ‘o toro? –
– Maestà, è venuta ‘na femmena, e cu’ ‘e maniere soje, m’ha fatto accirere ‘o toro. Perdunateme. –
‘O Re rispunnette: – Bravo Giuseppe ‘a verità! –
Chiammaje ‘e cavaliere suoje e le faccette canoscere comme chisto nun aveva ditto nisciuna buscia ancora. E accussì Giuseppe rimmanette sempe cu’ ‘o Re e ‘e cavaliere rummanettene cu’ tanto ‘e naso pecchè nun avevano ricavato niente ‘e chello ca avevano penzato.